Il Lago d’Orta e l’Isola di San Giulio sono ricchezze inestimabili per il Piemonte turistico e meritano davvero una visita approfondita nel weekend, organizzandosi al meglio. Il giro può partire dal borgo di Orta e il suo centro storico, piazza Motta che si affaccia sul porticciolo dl quale partono le imbarcazioni dirette all’isola di San Giulio. Qui c’è anche il palazzo della Riviera di San Giulio, o Broletto, con la torre campanaria risalente al 1582. Dalla piazza parte via Caire Albertoletti, pavimentata in sassi e ricca di edifici storici tra cui palazzo Gemelli. Da visitare assolutamente anche la Riserva Naturale del Sacro Monte di Orta che domina il borgo dall’alto. Un percorso di venti cappelle dedicate a episodi della vita di San Francesco d’Assisi, con affreschi e sculture dipinte che termina sul sagrato della chiesa di San Nicola di Mira, tutto nel bosco. E ancora l’Isola di San Giulio, dominata dall’omonima Basilica e dal vicino palazzo del Vescovo. La chiesa è in stile romanico e racchiude dipinti e affreschi di varie epoche ma soprattutto l’ambone in serpentino d’Oira (una pietra dal particolare colore verde estratta nella zona), risalente al XII secolo. Ultima tappa del giro è ad Omegna con la chiesa tardoromanica di Sant’Ambrogio, il ponte Antico a due archi del XV secolo e la porta Romana, risalente al 1100. Infine il borgo di Pella dominato dal santuario della Madonna del Sasso. Un angolo di Piemonte incantevole, da scoprire.